CENTRO SPORTIVO ITALIANO - COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA
25 febbraio 2020

Lo Sport ai tempi del Virus

Giocare di squadra e di testa contro le isterie collettive

Con l'emergenza coronavirus il mondo dello sport ha dato esempio di ordine e responsabilità: a differenza di tanti altri settori della nostra società, in cui sono scoppiati conflitti e contestazioni, ha meravigliato anche noi vedere che sostanzialmente e in modo disciplinato il nostro mondo ha subito "obbedito agli ordini" e ha immediatamente sospeso campionati, tornei, manifestazioni e allenamenti, malgrado questi ordini qualche lacuna per il nostro settore l'avessero (e infatti già il giorno dopo sono arrivati i chiarimenti che indicavano che l'attività ordinaria e gli allenamenti avevano titolo per svolgersi regolarmente). Ma al di là di questo, quello che spaventa davvero di questa vicenda - al di là della pericolosità del virus che stando agli epidemiologi è meno pericoloso di quanto questa isteria collettiva farebbe pensare - è notare quanto la "maionese impazzita" che risulta dalla somma di fake news, scarsa consapevolezza, incompentenza diffusa, sfiducia nel prossimo, litigiosità e strumentalizzazioni politiche sia potenzialmente devastante per il nostro paese. Probabilmente l'Italia precipiterà in una spirale di recessione, isolamento internazionale, incattivimento del sentimento nazionale che farà malissimo a tutti. In realtà c'è già qualche forza ragionevole all'opera, qualche voce scientifica e responsabile che richiama all'appropriatezza del livello di allerta, delle misure contenitive e dei sacrifici economici e sociali che ha senso fare in base al livello reale di pericolo. Lo sport da sempre rappresenta il veicolo ideale per lanciare messaggi positivi, per predicare l'apertura, per non respingere il prossimo ma assisterlo nella difficoltà, per fare squadra. Proviamo a mantenere questo atteggiamento senza perdere il controllo, tutti e ciascuno, e anche questa partita la si potrà vincere.

L'angolo del Presidente

Lo Sport ai tempi del Virus

Raffaele Candini

Presidente Regionale